GIORGIO OREFICE

         Il miglior modo di prevedere il futuro è costruirlo

GIORGIO OREFICE @ ALL RIGHT RESERVED 2021

Pittura, Scultura, Ceramica e Lava, Fotografia,
Arte digitale, Frattali, Centro Studi Frattalismo


facebook
twitter
instagram

    SANTUARIO della MADONNA DELLE LACRIME di SIRACUSA
                                IL GIORNO 22 - 01 - 2022

 

All'interno  di uno dei grandi altari laterali del Santuario  è stata collocata una installazione-memorial
per l'arrivo di San Paolo a Siracusa.
Al centro della installazione vi è un  dipinto di cm 124 x 156 eseguito ad olio su tela cotone dall'Artista  Giorgio Orefice .

 

 

 

 

index2w3.jpeg
ind4ex.jpeg
inde2x.jpeg
inder45x.jpeg
index32.jpeg
index87.jpeg
inde45x.jpeg

 

In una piazzetta delimitata da via dell'Apollonion, nel quartiere dei

pescatori: la Graziella, di cui è parrocchia, sorge la chiesa di S. Paolo

costruita sull'antica basilica paleocristiana che assieme a S. Pietro,

S. Giovannello e allo Spirito Santo fa parte delle più antiche costruzioni

religiose di Ortigia.

L'attuale edificio risale al XVII secolo ed è posto su un dislivello che fiancheggia l'ampia area del tempio di Apollo.

La costruzione della chiesa è sobria, sul timpano si legge l'iscrizione in ricordo della breve permanenza di S. Paolo a Siracusa: "HIC OLIM SYRACUSIS TRIDUO MANENTIS".

 

In un rosone di vetro policromo è raffigurata l'effige del Santo.

Questa  Chiesa paleocristiana è il luogo più antico dedicato alla memoria dell’apostolo Paolo.

Secondo gli atti degli apostoli San Paolo sbarcò a Siracusa e vi rimase tre giorni.

 

La chiesa paleocristiana vuole proprio ricordare questo evento. Non a caso è posta davanti al porto greco della città, il porto lakkio.

 

La memoria dell’ Apostolo Paolo nella chiesa di Ortigia è antichissima, più che altrove e non a caso nel timpano viene detto che fu costruita in onore dei tre giorni che San Paolo rimase a Siracusa.

 

L'arsenale greco di Siracusa è una parte del porto piccolo, detto Lakkios, dove anticamente si fabbricavano e si riparavano le imbarcazioni. Per agevolare il lavoro potevano essere tirate in secco quando subivano delle avarie o per poter ristrutturare gli scafi.  

 

Località toccate dal viaggio in prigionia di Paolo verso Roma, attorno al 60.

 

                                  QUELLA SERA,  IN QUESTO LUOGO SBARCA SAN PAOLO,

                                      E DA SIRACUSA SI DIFFONDE  IN EUROPA E NEL MONDO INTERO

                                           LA RELIGIONE CRISTIANA:

                        QUEL CRISTIANESIMO CHE CONQUISTERA’ IL MONDO NEL NOME DI CRISTO.

 
mappa
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder